convegno: “L’ALTRA SPESA, LE FORME DELLA VENDITA DIRETTA E LE ESPERIENZE DI ECONOMIA SOLIDALE”

I prodotti di fattoria sono sempre più richiesti dai consumatori, in quanto si va ampliando la fascia dei consumatori orientati alla qualità, alla certezza della provenienza, alla connessione con il territorio, alla tradizione, alla ricerca della sicurezza alimentare, alla espressione di messaggi ambientali ed etici.

La vendita diretta si sviluppa sempre più anche perché cresce la domanda di campagna nel suo complesso e la sua capacità di rispondere a tanti bisogni della società. Questi prodotti sono la risposta migliore a esigenze diffuse, in quanto presentano una qualità gustativa ed organolettica superiore alla media dei prodotti industriali, un gusto più vero e sono genuini nel senso più antico del termine, sono integri e non manipolati e, quindi, ricchi di proprietà nutrizionali.

Sono, inoltre, prodotti che esprimono anche altri valori oltre a quelli nutrizionali, quali storie, ricordi familiari, la cultura del territorio.

La vendita diretta è un’importante opportunità economica per le aziende agricole perché permette di recuperare margini di guadagno altrimenti compromessi dall’intermediazione.

Il rapporto diretto con i consumatori permette, inoltre, di consolidare l’economia locale, perché limita le fluttuazioni di mercato, salvaguardia il paesaggio rurale e rafforza la sostenibilità ambientale. I prodotti di fattoria sono i protagonisti delle varie forme di vendita diretta che costituiscono un opportunità per i consumatori in quanto contribuiscono alla difesa del potere di acquisto, mantengono stabili i consumi anche in un periodo di crisi, rappresentano un servizio sociale per molte persone in difficoltà, stimolano lo sviluppo di un nuovo modo di fare la spesa con una informazione personalizzata, abbattono le spese di trasporto dando un contributo alla salvaguardia dell’ambiente.

La provincia di Mantova registra molteplici esperienze di vendita diretta (mercati contadini,  contratti di comunità, gruppi di acquisto, fornitura di ristoranti) e di  economia solidale al punto di farne un laboratorio sociale sulla multifunzionalità  di estremo interesse.

Convegno organizzato dal Consorzio Agrituristico Mantovano,  http://www.agriturismomantova.it

quando e dove: Martedì 4 settembre 2012 – Ore 21,00 (Sala Convegni) Fiera Millenaria di Gonzaga

info: Fiera Millenaria di Gonzaga – http://www.fieramillenaria.it/millenaria/convegni-ospitati.html

Prato – Un nuovo percorso di agricoltura sociale

Promuovere l’agricoltura sociale per sensibilizzare all’economia solidale, a un consumo consapevole e a un giusto rapporto con l’ambiente.

Da questi obiettivi prende il via “Adotta un agricoltore”, un nuovo progetto agricolo ideato dall’associazione Difesa malati psichici gravi di Prato, in collaborazione con l’associazione Terra di mezzo e l’associazione sportiva dilettantistica Aurora.

Attraverso il lavoro della terra, soggetti affetti da situazioni di forte disagio potranno incominciare un cammino riabilitativo, soprattutto da un punto di vista sociale.

Il progetto, che sarà inaugurato sabato 23 giugno e si concluderà a marzo 2013, prevede tre fasi: la prima di creazione di orti biologici, una seconda di realizzazione di un’oasi apistica e infine di un orto di erbe aromatiche.

La cornice scelta per le attività è la fattoria Animal House, in località Patanelle, vicino Galciana, nata nel 2008 per ospitare una struttura per animali.

“Adotta un agricoltore” coinvolgerà anche 10 classi di elementari e medie della città, le quali potranno visitare gli orti e a cui sarà offerta la posibilità di adottare un terreno per poterlo coltivare.

Ai diversi lavori parteciperanno almeno tre persone provenienti dal carcere e dal disagio psichico; a coordinarli ci saranno medici, operatori socio sanitari ed educatori.

Il video: http://www.tvprato.it/archives/44897