Agricoltura sociale: quando la terra è opportunità. L’esperienza della cooperativa Vita Down di Treviso

Questa è una storia di agricoltura sociale, la storia di alcuni genitori che, per dare un futuro vero ai propri figli, hanno messo in discussione il proprio lavoro e le proprie abitudini, dando vita a uno strutturato progetto che nei campi della Marca Trevigiana sta crescendo giorno per giorno, con l’intento di diventare una felice storia di imprenditoria agricola. Questa è l’esperienza della cooperativa Vita Down che ha allestito un’azienda agricola multifunzionale dando la possibilità di lavorare a circa settanta ragazzi.

Il progetto Casa Vittoria nasce in seno ad alcune famiglie che, circa otto anni fa, si sono riunite per fondare la sezione locale dell’Associazione Italiana Persone Down, determinati ad affermare i diritti dei propri ragazzi e, soprattutto, a garantire loro percorsi di autonomia, soprattutto dal punto di vista lavorativo, in una fascia d’età, quella dai 14 ai 22 anni, molto delicata perché coincidente con la fine della carriera scolastica.

Uscire da un mondo, quello della scuola, per certi aspetti “chiuso” e protetto, può rappresentare un ostacolo, a maggior ragione in un momento come questo in cui il mondo del lavoro fatica a trovare sbocchi di inserimento per i giovani e ancor meno ne apre concretamente per i ragazzi Down.

Oggi, chi si recasse a San Polo di Piave potrà constatare con i propri occhi come l’agricoltura possa contribuire a un piccolo miracolo della forza di volontà, trovando tanti giovani, assieme ai propri genitori, coltivare ortaggi e lavorare per sistemare e rendere accogliente l’ambiente per quella che diventerà una country house aperta agli ospiti e impegnata a sostentarsi con il frutto del lavoro di chi l’ha creata. Oggi circa settanta ragazzi, una quarantina dei quali maggiorenni, è coinvolta nel progetto, un “cantiere” rurale che ha tutte le intenzioni di diventare azienda agricola modello e centro di ospitalità all’insegna del turismo e del benessere, dove ognuno dei ragazzi possa trovare una sua identità e collocazione: dai campi e le serre alle cucine e agli uffici, forse perfino nella Spa e centro benessere in via di completamento. Anche in questo caso, insomma, la parola d’ordine è multifunzionalità.

fonte: Articolo di Emiliano Raccagni, pubblicato su Imprese Agricole di luglio 2012.

info: Cooperativa Vita Down, http://www.cooperativasocialevitadown.com

Annunci

One thought on “Agricoltura sociale: quando la terra è opportunità. L’esperienza della cooperativa Vita Down di Treviso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...